Digital Marketing: perché scegliere un freelance

Stai cercando qualcuno che ti aiuti per la comunicazione o nel digital marketing, ma ti hanno chiesto un preventivo troppo alto e stai valutado se è un freelance che fa per te o se hai davvero bisogno di una agenzia di comunicazione.
Voglio farti le cose molto semplici, e rapide per non farti perdere tempo.

Faccio due premesse:

1. Ho lavorato per una agenzia, conosco pregi e difetti. Non starò qui a dire perché non sceglierne una, perché alcune sono validissime. In questi anni ho lavorato in una agenzia e collaborato con tante altre, piccole e grandi, e come per tutti i settori troverai sicuramente quelle affidabili e quelle meno affidabili (pensaci, vale anche per il tuo settore). Ti dirò alcuni vantaggi obiettivi di avere una collaborazione con me.

2. Come vedi anche dall’url, collaboro con Attitude, azienda di Project Management, ma non agenzia. In che senso? La nostra azienda potrebbe sembrare simile a una agenzia, ma è solo la collaborazione di due freelance complementari che lavorano insieme da 6 anni: uno organizza e l’altro crea. Il tuo progetto potrebbe non richiedere la figura del Project Manager, quindi la collaborazione sarebbe effettivamente solo con me.

3. Oltre ad essere un freelance, sono un digital factotum: invece di specializzarmi in una sola disciplina, mi sono specializzato in più discipline parallele in modo da poter portare avanti da solo un progetto completo, dal branding al web, dai social alla grafica. Questo mi dà dei vantaggi ulteriori rispetto al dubbio con cui hai trovato questo articolo.

Passiamo all’analisi tecnica del perché scegliere un freelance, che include vantaggi tecnici e soprattutto economici.

Vantaggi tecnici ed economici:

Mettiamo il caso che tu voglia assumere me invece che più freelance, più dipendenti o più persone, come nel caso dell’agenzia.
Che ci guadagni?

  1. Sostituisco effettivamente più persone con le competenze multiple, cosa che ti fa risparmiare su collaboratori o dipendenti da formare (e che devono restare aggiornati, un costo nascosto a cui magari non hai pensato), e che mi permettono di avere una vista dall’alto del settore. Fidati, aiuta in un modo in continuo cambiamento come quello digitale.
  2. Abbiamo un rapporto diretto: parli con me, e sono io che lavoro. Non delego il lavoro a uno stagista o a dei collaboratori a cui devo spiegare quello che mi hai spiegato tu.
  3. Questo mi permette di essere più veloce, in quanto il processo di raccolta di idee è già avvenuto tra me e te. Posso concentrarmi direttamente sul lavoro, e con la mia esperienza produco direttamente un contenuto di qualità da discutere con te.
  4. Per garantire questi due fattori mantengo anche una certa esclusività e cura dei dettagli: prendo pochi e selezionati clienti alla volta. Questo significa che ti dedico un significativo slot temporale, e non vado di fretta per cercare di imbarcare più clienti possibile. In alcuni casi, questo significa che ho dei prezzi più alti rispetto ad alcune micro-agenzie (ma se chiedi dei preventivi in giro vedrai che sono pochissime), ma sei sicuro di chi fa il lavoro.
  5. il costo, nonostante questa certa esclusività, è più basso rispetto alle grandi e medie agenzie: ho meno costi di gestione e di struttura, non ho dipendenti o grandi uffici. Siamo io e la mia compagna Project manager, la nostra cagnolina Chantal e il nostro piccolo ufficio, insieme agli anni di esperienza. Sarà il prezzo giusto per le competenze ed è sempre orientato ai risultati che puoi ottenere: non prendiamo clienti che non possono guadagnare più di quanto chiediamo.

Vediamo adesso alcuni casi specifici in cui puoi facilmente rispecchiarti.

Quando dovresti scegliere un freelance, e in particolare il digital factotum?

  1. Vuoi avviare un progetto di qualsiasi tipo (azienda, negozio o altro) e hai necessariamente bisogno di impostare tutto, a partire dal logo, dal sito e dai social.
  2. Hai una piccola o media azienda poco strutturata che vuoi rilanciare. Può essere un negozio, un’azienda vinicola o un business specifico di macchinari, non importa. In questo caso spesso devi trasformare la tua azienda e prepararla al digitale (la digital trasformation in di cui si parla tanto ultimamente), soprattutto per quanto riguarda il processo di vendita online. Qui entrano in gioco le competenze multiple integrate che ti fanno risparmiare su tante figure o dipendenti che dovresti assumere. E se hai bisogno di rinfrescare l’immagine con un nuovo logo, mi occupo anche di rebranding.
  3. Hai un progetto in fase di test in cui non vuoi o puoi investire la totalità del budget del marketing. Per esempio, vuoi lanciare un ecommerce parallelo al tuo negozio o alla tua catena di negozi. In questo caso posso occuparmi della costruzione del sito, delle grafiche e delle campagne social.
  4. Vuoi fare da te, ma non sai come fare. In questo caso posso aiutarti in due modi: con una singola consulenza per orientare le tue idee (per un percorso consulenziale vedi Project Coaching), o con la formazione. In ogni caso si parte con la consulenza, lascia che ti consigli io di cosa hai bisogno, analizzando da un punto di vista esterno il tuo caso.

Altre combinazioni sono possibili, ma le nostre storie sono uniche. Raccontami la tua, e vediamo come posso aiutarti a raccontarla ancora meglio ai tuoi clienti.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.